La tradizione familiare trasforma l'aria e la passione in un'azienda di successo.
06.08.2019

La tradizione familiare trasforma l'aria e la passione in un'azienda di successo.

Intervista con i proprietari, Tobias e Christoph Meyer

La Prime Tower a Zurigo, il KKL a Lucerna e il rifugio Monte Rosa a Zermatt - i tre edifici di prestigio hanno una cosa in comune: in essi circola l'aria fresca proveniente dagli impianti Seven Air. «La nostra attrezzatura è invisibile ai visitatori, ai residenti e agli ospiti degli edifici, di solito si trova nel seminterrato», afferma Christoph Meyer, presidente del consiglio di amministrazione di Seven-Air Gebr. Meyer AG, come la società è conosciuta con il nome completo. Suo fratello Tobias, CEO dell'azienda, aggiunge: «Nel 2018 abbiamo vinto il Prix SVC alla KKL di Lucerna. Molte persone erano a conoscenza di noi e della nostra industria per la prima volta con questo premio - sono rimasti stupiti quando abbiamo detto loro sul palco che c'erano delle fessure di ventilazione sotto ogni sedile del KKL.»

Leader di mercato dal 1985

Nel settore dell'edilizia e della ventilazione, tuttavia, le strutture verdi di Seven-Air sono tutt'altro che sconosciute. Dal 1985, la PMI lucernese ha difeso la sua posizione di leader di mercato in Svizzera con 400 dipendenti. Qual è il segreto del successo di Seven-Air? «Da quando nostro padre ha fondato l'azienda nel 1971, abbiamo avuto un ottimo prodotto che stiamo costantemente migliorando e sviluppando. È qualcosa come la 'Rolls Royce' tra i sistemi di ventilazione», risponde Christoph Meyer. «Solo non così costoso», aggiunge seccamente suo fratello.

Comunicazione senza parole

Interrogati sulle loro funzioni e sulla loro collaborazione, i due fratelli si definiscono scherzosamente ministri degli Interni e degli Esteri. Christoph Meyer, Presidente del Consiglio di amministrazione, è responsabile degli affari interni, mentre il CEO Tobias Meyer è responsabile degli affari esterni. Gestiscono insieme l'azienda dal 2004. «Ci conosciamo così bene che a volte non dobbiamo nemmeno guardarci nelle riunioni per sapere cosa ne pensa l'altro», dice il CEO. «Naturalmente, ci sono situazioni in cui non siamo d'accordo. Ma dopo mezz'ora al più tardi abbiamo una soluzione», dice il fratello. Tobias Meyer annuisce e riassume: «Come capo di un'azienda familiare, abbiamo preso un impegno nei confronti della nostra famiglia, e abbiamo grande rispetto per essa». I Seven Air driver concordano sul fatto che le aziende a conduzione familiare sono superiori alle aziende a conduzione manageriale, e Tobias Meyer spiega: «Non accettiamo mai di perdere un lavoro. Nei rari casi in cui ciò accade, esaminiamo meticolosamente tutto fino all'ultimo dettaglio.»

Strategia: tutto da un'unica fonte

Sette sistemi ad aria trattano l'aria in sette modi diversi: filtraggio, riscaldamento, raffreddamento, convogliamento, umidificazione, deumidificazione o recupero energetico. «Fa parte della nostra strategia che offriamo tutto da un'unica fonte e produciamo tutto da soli. Questo è l'unico modo per mantenere la qualità sotto controllo al cento per cento», spiega Tobias Meyer. Anche gli alloggiamenti metallici degli apparecchi, compresa la verniciatura a polvere, vengono prodotti nei capannoni di produzione Seven-Airch, a Hitzkirch, Lucerna. Poiché questi sistemi di lavorazione della lamiera sono molto costosi, è nato un nuovo settore di attività: Seven-Air gestisce anche gli ordini per conto terzi: «In questo modo otteniamo un maggiore utilizzo delle macchine, loro si ripagano più velocemente e noi siamo più competitivi rispetto ai fornitori esteri», afferma Christoph Meyer.

Vedere le opportunità per l'innovazione

Quando suo padre ha acquistato l'impianto di verniciatura a polvere negli anni '90, ha rifiutato di metterlo in funzione come descritto dal produttore. Tobias Meyer spiega: «La polvere applicata alle parti in lamiera viene cotta in forno a 200 gradi. Secondo il produttore, questo calore verrebbe poi sprecato inutilizzato. Non in quel modo, ho trovato il padre. Abbiamo sviluppato un sistema con attrezzature proprie per rimuovere il calore». Lo usiamo per riscaldare l'acqua di processo e riscaldare l'intero capannone». Entrambi i fratelli scuote ancora oggi la testa quando pensano all'energia sprecata e Christoph Meyer riassume: «Con costi di investimento aggiuntivi di 300'000 franchi svizzeri, che avevamo già ammortizzato dopo due anni, da allora abbiamo risparmiato 900'000 chilowattora di elettricità all'anno.»

Migliore o ugualmente buono e meno costoso

Per garantire che il calore non fuoriesca durante i vari processi, gli apparecchi devono essere perfettamente isolati. «Abbiamo sviluppato una schiuma isolante che è quasi il 40% più efficiente dal punto di vista energetico rispetto alla lana minerale. Inoltre, è molto più denso, occupa meno spazio, è molto più stabile, non respirabile e può essere smaltito normalmente nell'impianto di incenerimento dei rifiuti alla fine della giornata.»

I fratelli si ispirano alle conversazioni con i clienti e alle visite alle fiere. Se c'è un'idea nella stanza, la ricerca e i test hanno luogo. «Tuttavia, introduciamo nuovi sviluppi sul mercato solo quando siamo significativamente migliori o della stessa qualità e più economici dei nostri concorrenti», afferma Christoph Meyer.


Potenziale di decollo

La PMI è attualmente alla ricerca di un progetto che potrebbe letteralmente farla decollare - condizionatori d'aria speciali per aerei che vengono utilizzati mentre gli aerei sono a terra tra l'atterraggio e il prossimo decollo: «Nella maggior parte degli aeroporti, gli aerei devono far funzionare uno dei motori per far funzionare l'aria condizionata. Ne conseguono emissioni di CO2 e di rumore. Per l'aeroporto di Zurigo, l'azienda ha sviluppato da decenni un sistema che è collegato al velivolo stazionario. Ciò significa che a Zurigo si producono il 90 % di emissioni di CO2 in meno rispetto ad altri aeroporti», spiega Tobias Meyer. In collaborazione con un'altra azienda svizzera, Seven-Air sta lavorando a un progetto per poter offrire tali soluzioni in tutto il mondo. Sono già in corso test e trattative con gli aeroporti più grandi del mondo.


Non c'è tempo per una burocrazia inutile

Per progetti di così grandi dimensioni abbiamo talvolta bisogno di capitali esterni, anche se finanziamo sempre tutto da soli», dice Christoph Meyer. L'azienda di famiglia è cliente del Credit Suisse da quando i fratelli hanno saputo pensare. «Apprezziamo il tocco umano e la semplicità di trattare con la nostra banca, e non abbiamo tempo per la burocrazia inutile. Ad esempio, abbiamo presentato i nostri piani a due banche per il finanziamento. Abbiamo dato ai consulenti 20 minuti e poi siamo tornati. I consulenti del Credit Suisse si sono seduti lì e hanno annuito quando siamo arrivati. L'altra banca ha chiesto vari altri documenti, un business plan e così via», riferisce Christoph Meyer e poi dà la parola a suo fratello:

«Se si considerano i risultati degli ultimi 30 anni, molte cose dovrebbero essere altrettanto chiare. Il Credit Suisse l'ha capito subito e noi lo apprezziamo.»